The “Soap bubbles against coronavirus” initiative arrived at the Mercy Children’s Orphange and bakery, Sierra Leone

The initiative “Soap bubble against Coronavirus” arrived at Mercy Children’s Orphange and bakery, at New London in Waterloo, in the rural area of Freetown, capital of Sierra Leone.
The team of young volunteers of R-Evolution Sierra Leone provided with everything needed to wash hands properly, including the most obvious but often also the least available, to prevent the spread of infectious diseases such as covid-19 between the children of this orphanage.
The vision towards the establishment of Mercy Children’s Orphanage children came about during the years of international humanitarian work the founder and coordinator, Emmanuel Sajor Shaw. Emmanuel had a dream of opening an orphanage and caring for children in his native Sierra Leone, and in 2005 the doors of the home were opened to different categories of children ranging from: abandoned children, street connected children, abused children and children separated or unaccompanied.
Important for the self-sustainability for this orphanage was the envision to add the business of a bakery, animal farm and a poultry farm to raise resources for running the home.

L’iniziativa “Bolla di sapone contro il Coronavirus” è arrivata al Mercy Children’s Orphange e panificio, a New London in Waterloo, nella zona rurale di Freetown, capitale della Sierra Leone.
Il team di giovani volontari di R-Evolution Sierra Leone ha fornito tutto il necessario per lavarsi le mani correttamente, incluso ciò che può sembrare il più ovvio ma che spesso è anche il meno disponibile, per prevenire la diffusione di malattie infettive come il covid-19 tra i bambini di questo orfanotrofio.
Il desiderio di costruire il Mercy Children’s Orphange è nato durante gli anni di lavoro umanitario internazionale del fondatore e coordinatore, Emmanuel Sajor Shaw. Infatti Emmanuel sognava di aprire un orfanotrofio e di prendersi cura dei bambini nella sua nativa Sierra Leone, e nel 2005 le porte della casa sono state aperte a diverse categorie di bambini che vanno da: bambini abbandonati, bambini di strada, bambini maltrattati e bambini separati o non accompagnati.
Importante per l’autosostenibilità di questo orfanotrofio è stata l’iniziativa di aggiungere l’attività di panetteria, un piccolo allevamento per animali e pollame, per raccogliere risorse per gestire la casa.